Agri-runs: in moto a festeggiare la nostra Repubblica

Il 2 giugno festa della Repubblica Italiana, non ho trovato niente di più attraente, che andare a fare un giro in moto, ammirando i panorami del nostro bel paese. La giornata meteorologicamente parlando, era perfetta: sole e temperatura ideali. Abito a circa 80 km da una delle più amene zone di produzione vinicola del nostro paese Le Langhe e purtroppo, come sempre accade a chi è circondato dalla meraviglia, non ne conosco ancora tutti i luoghi.

Le Langhe nei pressi di Serralunga d'Alba

Vagare e svagarsi fra le colline delle Langhe è un evento da reiterare ogni volta che si ha disponibilità di tempo e una bella giornata

La moto è sicuramente il mezzo ideale per esplorare le dolci colline delle Langhe. Una volta superata la pianura che circonda Torino inizia il divertimento delle curve e del saliscendi. Senza fretta, senza affaticarsi né perdere la concentrazione della guida (guidare una due ruote, non è come guidare un’auto!) è possibile osservare il panorama e vedere pian piano come la natura cambia intorno a noi: il perfetto disegno della vegetazione delle vigne coltivate dall’uomo, si integra con quella di alberi a basso fusto, come le acacie, i noccioli, gli alberi da frutta. I profumi non mancano perché in moto non si ha un condizionatore che li annulla. Buoni o meno buoni, il profumo della terra che ti circonda aiuta al rilassamento.

Il run

La prima meta da raggiungere per un motociclista, dopo una piccola sosta caffè, è solitamente un buon posto dove pranzare. Gli amici con i quali mi sono accompagnata nel giro, sono ormai navigati ed esperti dei luoghi, motociclisti che partono senza meta. Vagano sulle strade delle colline e quando l’istinto li fa fermare per il pranzo non si sottraggono a sperimentare piccole trattorie o agriturismi sconosciuti. Alcune volte restano delusi, altre rincasano soddisfattissimi per aver scoperto il posto giusto dove mangiare e ritornare insieme ad altri.

Azienda agricola La Primula in località Lequio Tanaro

La Primula, azienda agrituristica, è stata una di queste loro scoperte. Nel cuore delle colline di Dogliani (dove viene prodotto il famoso Dolcetto), La Primula ha sede a Lequio Tanaro.
Non sto a descrivervi l’amenità del luogo, la sua semplice eleganza e pulizia, tutte informazioni reperibili sul loro sito. Ve lo raccomando se passate dalle quelle parti. La cucina è tipica delle Langhe, semplice e genuina. Ottima per i motociclisti che decidono dopo pranzo di spendere ancora un po’ di energie per chiudere alla grande la giornata, avviandosi verso i favolosi panorami delle colline di Barolo, di Serralunga d’Alba, Rodello, Diano, Grinzane Cavour, fino a scendere ad Alba per avviarsi verso casa.

Le moto parcheggiate di fronte all'agriturismo La Primula di Lequio Tanaro

Il giro della giornata ci ha fatto percorrere circa 200 km, una specie di giostra dalla quale non avremmo voluto scendere mai. Le moto che abbiamo incrociato e salutato su queste strade sono state davvero moltissime. Numerosi anche i turisti germanici che sulle loro due ruote, cariche di bagagli, hanno deciso di spendere le loro ferie in mezzo a queste colline.

Era il 2 giugno, festa della Repubblica, del nostro bel paese sovente offeso dagli stessi abitanti e dalla dirigenza politica, ma apprezzato dai turisti stranieri.
Forse l’Italia è solo un paese per farci le vacanze?

Gabriella Gai

Riferimenti:

Agriturismo la Primula
Lequio Tanaro, via Piano Canà, 8 – Tel. 0172 696115
Aperto alla ristorazione venerdì, sabato e domenica su prenotazione
A richiesta pasti per vegetariani e celiaci.

Il pasto da noi consumato, quattro antipasti, due primi, due secondi e contorni, dolci, caffè acqua, vino bianco e rosso, 25,00 Euro

Leggi anche:

About The Author

Gabriella Gai

Sono Gabriella Gai, vivo e lavoro a Torino. Eclettica di natura ho sviluppato esperienze professionali diverse con un comune denominatore: creatività, progetto e realizzazione. Il mio studio per il riciclo e il riuso dei materiali hanno dato vita ad un progetto dedicato interamente al riciclo del jeans per produrre moda e un lusso sostenibile esteso anche ai complementi di arredo ed alla cura del cane di casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *