Come riparare un vecchio paio di jeans

Un amico motociclista molto affezionato a un suo vecchio paio di Levi’s 501 sa che mi occupo di jeans da riciclo e non si è fatto nessun problema nel dirmi: i miei jeans dovrebbero andare al macero, ma è vero che riesci ancora a ripararmeli in qualche modo? …Non sono ancora pronto per decidermi a buttarli via.

Un vecchio paio di jeans è sempre riparabile utilizzando patches fatte di jeans da riciclo

E’ normale che un jeans portato dieci anni e per giunta in moto si usuri nella parte del cavallo. Spesso il tessuto in quella zona è sfibrato e nella maggior parte dei casi lacerato. Riparare un jeans in quelle condizioni è sempre possibile tenendo presente che:

è necessario applicare a regola d’arte una patche (o toppa) in tessuto jeans;

Il modello della toppa ritagliata dallo sfrido del cavallo di un altro pantalone jeans

Tra i vari sfridi di tessuto che provengono dalla lavorazione dei miei oggetti in jeans riciclato ci sono sempre parti sane del cavallo di altri pantaloni che tornano utili per essere trasformate in perfette toppe da riparazione.  Disegnando un modello di toppa ad hoc, il risultato dell’applicazione sul cavallo del jeans consunto è di sicuro effetto.

Posizionamento delle toppe di riparazione di un jeans nel cavallo

Puntando le toppe sul pantalone rigirato al contrario ed eseguendo una cucitura a zig-zag con filato robusto e tinta su tinta (consiglio un Gutermann titolo n°50, col. 112) la toppa assumerà un disegno gradevole e sarà poco visibile a jeans indossato.

Il risultato della riparazione del jeans a toppe cucite

Alcune magagne del jeans consunto possono essere messe in evidenza contrastandole con il tessuto delle toppe jeans sottostanti. Una cucitura di rinforzo fatta intorno ad una parte sfibrata può diventare uno dei tanti trattamenti del jeans,  fatti appositamente da molte maison produttrici dei mitici pantaloni. Strappi, consunzioni e scoloriture vengono pagati a caro prezzo da chi desidera avere il jeans più trendy.

Il mio amico motociclista ha comprato tanti anni fa il suo Levi’s 501: l’ha fatto vivere con lui ed oggi lo fa riparare, ottenendo ugualmente le prestigiose toppe trendy dell’usura. Non è il tipo di cliente che acquista falsi storici: il suo prossimo Levi’s sarà un 501 nuovo, tutto da vivere.

Gabriella Gai

Leggi anche:

About The Author

Gabriella Gai

Sono Gabriella Gai, vivo e lavoro a Torino. Eclettica di natura ho sviluppato esperienze professionali diverse con un comune denominatore: creatività, progetto e realizzazione. Il mio studio per il riciclo e il riuso dei materiali hanno dato vita ad un progetto dedicato interamente al riciclo del jeans per produrre moda e un lusso sostenibile esteso anche ai complementi di arredo ed alla cura del cane di casa.

8 Responses to Come riparare un vecchio paio di jeans

  1. Vanni scrive:

    Carissima Gaia,
    ho un grosso problema con un paio di Roy Rogers, vorrei recuperarli, li ho comprati un pò consumati proprio perchè mi piacevano, e ora mi si sono formati 2 tagli (1 per parte) sul davanti, un pò sotto la cerniera, 2 tagli orizzontali da usura proprio in corrispondenza delle pieghe che il jeans fa portandolo, sedendosi.
    Per ripararli avrei un’idea, che sarebbe quella di applicare all’interno 2 toppe ma senza cucirle, facendo in modo che aderiscano perfettamente al tessuto interno, lasciando pure in evidenza i 2 talgi ma almeno senza far esibier quello che c’è sotto.
    Dici che si può fare? e se si, che colla dovrei usare?
    Grazie.

  2. Gabriella Gai scrive:

    Ciao Vanni,

    io mi chiamo Gabriella 🙂 . Ti sconsiglio fortemente di incollare toppe di jeans, soprattutto in quella zona dove il pantalone si stausurando. La colla con i lavaggi se ne va, anzi peggiora la situazione, impastandosi con il tessuto. Cucire è l’unica cosa da fare per fare un buon lavoro di riparazione e valorizzare i tuoi vecchi Roy Rogers. Ho riparato jeans ad amici che mi ringraziano ancora adesso per il buon risultato. Se vuoi puoi spedirmerli e vedo cosa si può fare sulla base di un preventivo che ti farò avere via e-mail. A presto, Gabriella

  3. Pac scrive:

    Ciao gabriella , volevo sapere , nelle sartorie più o meno quanto chiedono per un paio di pantaloni consumati al cavallo?

  4. Gabriella Gai scrive:

    Ciao,

    sinceramente non saprei. Dipende molto dal lavoro da fare e dal tempo necessario per ripararli.
    Mi spiace non poter essere più precisa.
    A presto,
    Gabriella

  5. Alessandro scrive:

    Gentilissima Sig.ra Gabriella,
    la scoperta di questo suo sito è strabiliante per me dacché penso di essere un vero accanito del recupero dei capi d’abbigliamento ormai desueti, eppure sempre carichi di storia.
    Passo subito alla questione che mi attanaglia. Ho diversi jeans che mi piacerebbe recuperare, si tratta di Levi’s 501 vecchia maniera insomma di quelli che si fa una fatica dell’ostrega ora a trovarli. Ce li ho nell’armadio da un po’ e centellino pure nell’indossarli. Alcuni hanno già subito rammendi altri così cosa. Tra cui le toppe che lei ha ben mostrato come soluzione.
    Il problema è che sono di Milano, altrimenti sarei già un suo cliente/estimatore dal vivo.
    Come posso fare?

    Distinti saluti e complimenti per l’attività.

  6. Gabriella Gai scrive:

    Gentilissimo Alessandro,

    la ringrazio per aver apprezzato la mia attività di recupero del jeans che amo moltissimo.
    Con il jeans da riciclo (che mi procuro in Italia con provenienza USA) realizzo soprattutto borse e con la macchina da ricamo faccio il resto.

    Se ha bisogno di riparare vecchi jeans con toppe di jeans originali lo posso sicuramente fare. L’unica strada è spedirmeli: posso farle un preventivo e dirle se vale la pena o no. Capisco l’affezione per capi che non esistono più, ma purtroppo anche i jeans usati come pantaloni hanno una loro vita, fino a quando trovano qualcuno che li smonta e dà loro una nuova vita (io).

    Mi fa sapere?
    Attendo una sua risposta.
    A presto,
    Gabriella Gai

  7. emilia scrive:

    ciao gabbriella,
    ti scrivo perchè ho un paio di jeans che si sono consumati sul sedere, inizialmente non si vedeva molto quindi ho continuato a metterli con delle maglie lunghe, ma ora ci sono tre buchi, piccoli, ma piuttosto evidenti! ho provato a cucirvi il jeans da riciclo, ma in quel punto il risultato non è lo stesso che in altri! quindi ti chiedo secondo te potrei cucire delle toppe a fantasia, magari sulla tonalità del blu? grazie in anticipo:)

  8. Gabriella Gai scrive:

    Ciao Emilia,,
    l’idea non è male, il risultato dipenderà dall’esecuzione del lavoro.

    A presto,
    Gabriella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *