Un cuore di stelle per San Valentino

Come si conviene ogni anno, dopo i festeggiamenti natalizi il calendario ci propone due ricorrenze: l’inizio del Carnevale (che non ha mai data certa, perché in fondo legato alla Pasqua) e San Valentino, il 14 febbraio, Festa degli Innamorati.

Pare che San Valentino si celebri in tutto il mondo, nonostante la festa sia nata nel mondo occidentale per sopprimere un leggendario rito pagano in uso fin dal IV secolo A.C.
Per chi voglia approfondire, alla voce Dio Lupercus, patrono del rito, si trovano notizie che riconducono alla stessa morale: il Dio in questione dettava la sorte di coppie formate da una estrazione fatta di bigliettini scelti da un bambino; il rito aveva il senso di rendere indissolubile la coppia, protetta dal volere del Dio e dall’augurio di fertilità.

Non che la sorte oggi non assolva allo stesso compito: le coppie in qualche modo si formano, anche senza l’aiuto di Lupercus o di San Valentino, ma la garanzia che il loro amore duri per sempre mi sa che è scaduta da tempo. Forse è ora di rivalorizzare il potere del cuore.

San Valentino in antitesi a Lupercus resta comunque il patrono degli Innamorati

E anche di un breve periodo di business per commercianti e aziende produttrici. Le vetrine delle pasticcerie si riempiono di cuori di cioccolata; le gioiellerie espongono cuori preziosi per tutte le tasche, il cuore emerge ovunque.
Il cuore è uno trai simboli più ricchi di significato, forse il più alto, perché dentro a un cuore si presuppone si celi l’Amore, il più alto tra i sentimenti umani. Regalare un cuore ha grande significato sia per chi lo dona, sia per chi lo riceve. E’ un messaggio per dire Io ci sono e il mio cuore batte per te. Impegnativo e meraviglioso allo stesso tempo.

Un cuore di stelle come dono di San Valentino

Sono molto legata a questo simbolo che ho adottato per firmare tutti gli oggetti che produco

Per San Valentino propongo di donare un cuore di macramè blu, blu come il colore dell’Universo pieno di stelle, tra le quali ho individuato la Cintura di Orione, la costellazione ben visibile delle notti invernali.

Nella tradizione cinese, la cintura di Orione è chiamata San Xing (letteralmente i tre astri). Le tre stelle rappresentano delle divinità, i cui nomi sono Lu Xing (astro della prosperità), Fu Xing (astro della buona sorte) e Shou Xing (astro della longevità).

Un cuore di stelle da utilizzare come collana, segnalibro, decorazione per la casa

Prosperità, buona sorte e longevità sono l’augurio più sincero per una coppia di innamorati, che lo siano da tempo o che lo siano diventati da poco. L’Amore è una cosa seria, un potere che può edificare o distruggere se trasformato in male. Purtroppo io a queste cose credo ancora.

Gabriella Gai

P.S. Il Cuore di stelle Blu può essere una collana, un segnalibro, una decorazione per la casa, un portafortuna per proteggere il tuo Amore. Se desideri acquistarlo contattami via email oppure recati da EHSI, C.so Turati, 13/R Torino: Giulia Pettinau sarà lieta di accoglierti nel suo negozio.

Leggi anche:

Tagged with:
 
About The Author

Gabriella Gai

Sono Gabriella Gai, vivo e lavoro a Torino. Eclettica di natura ho sviluppato esperienze professionali diverse con un comune denominatore: creatività, progetto e realizzazione. Il mio studio per il riciclo e il riuso dei materiali hanno dato vita ad un progetto dedicato interamente al riciclo del jeans per produrre moda e un lusso sostenibile esteso anche ai complementi di arredo ed alla cura del cane di casa.

3 Responses to Un cuore di stelle per San Valentino

  1. […] conoscere di più sulla tradizione del San Valentino, vai al blog della creatrice Gabriella Gai, cliccando qui *{margin:0; padding:0;} #socialbuttonnav li{background:none;overflow:hidden;width:65px; height:20 […]

  2. […] Cuore di Stelle è un elemento in pizzo macramè che vive anche da solo, proposto come oggetto decorativo della […]

  3. […] you would like to know more about San Valentine’s day, go to Gabriella Gai’s Blog, clicking here #socialbuttonnav li{list-style:none;overflow:hidden;margin:0 […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *